lunedì 25 febbraio 2013

Assicurazioni Auto: attenzione alle disdette unilaterali, in quanto strumentali

Assicurazioni Auto: attenzione alle disdette unilaterali, in quanto strumentali

Come si evince dal comunicato stampa del 5 febbraio 2013, consultabile al seguente link, Federconsumatori mette in evidenza come le disdette unilaterali da parte delle compagnie di assicurazioni si rivelano assolutamente strumentali con tanto di scorrettezza nella loro politica.

Il motivo è molto semplice e consiste nell’applicazione di forti aumenti al rinnovo che possono essere quantificati al Sud con un +19% (il dato è fornito direttamente dall’ONF, Osservatorio Nazionale della Federconsumatori). Perciò, anche per il 2013 potrebbero esserci dei rincari per la polizza rca quantificabili al 5,8%.

Tutto questo in netta antitesi con le stime di fine 2012 che vedevano scendere i premi assicurativi. Chi saranno coloro che andranno incontro a questi aumenti? Principalmente, neopatentati per cui la spesa complessiva varierà dai 2.030 € ai 4.369 €. Si consideri che, soprattutto nell’Italia Meridionale, gli importi tendono a salire. Tuttavia, i cinquantenni in prima classe (la classe di merito più bassa) vedranno crescere le loro tariffe del 4,6% (meno comunque dei neopatentati).

Parliamo quindi di un aumento sotto certi aspetti ingiustificato che da un lato inciderà sui consumi, specie per le famiglie, e dall’altro potrebbe obbligare un maggior numero di assicurati a rinunciare all’automobile che, tra i rincari di carburante ed assicurazione, costi di manutenzione ed autostrade, al giorno d’oggi sembra quasi un bene di lusso. Sono in molti ad auspicarsi una riforma del sistema e maggiori controlli contro questi comportamenti scorretti. Se non ora, quando?
Share This
Posta un commento

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Articoli consigliati

Designed By Blogger Templates